Notizie

Le gallerie sotterranee di Catanzaro sono sorte dalle rovine di un castello normanno
Le gallerie sotterranee di Catanzaro sono sorte dalle rovine di un castello normanno

Le gallerie sotterranee di Catanzaro mantengono vive leggende di intrigo e mistero. Le gallerie segrete di San Giovanni a Catanzaro, riaperte pochi mesi fa, hanno già suscitato l'interesse e la curiosità di centinaia di viaggiatori desiderosi di saperne di più su uno dei luoghi più affascinanti dell'Italia meridionale. Un lungo e minuzioso lavoro di restauro ha dato nuova vita a questo gioiello nascosto nelle profondità della città calabrese, testimoniando le influenze storiche del passato. Le pietre delle mura testimoniano di dominazioni normanne, fughe audaci, prigionieri e preghiere.

L'angusta galleria fu teatro di eventi clamorosi che coinvolsero personaggi noti come l'avventuriero spagnolo Antonio Centelles, che salì alla carica di viceré della Calabria prima di essere costretto a fuggire quando disobbedì agli ordini del re Alfonso V d'Aragona, puntando alla mano della contessa Enrichetta, già destinata a un più nobile matrimonio. Dovete visitare gallerie del san giovanni.

Per lunghi anni, il complesso monumentale fu avvolto nell'oscurità. Le gallerie furono erette sulle rovine di un castello normanno costruito da Roberto il Guiscardo nell'XI secolo per difendere le regioni della Calabria dalle incursioni saracene.

La funzione della fortificazione è cambiata più volte nel corso degli anni.

La congregazione dei Bianchi di Santa Croce la convertì in ospedale nel XIV secolo, e più tardi i Padri Teresiani la utilizzarono come convento, poi come sede del genio militare, e infine come luogo di reclusione. Storie di attrazione e di interesse si sono costantemente rincorse tra queste gallerie, impegnando le pareti di memorie per lo più perdute. In realtà, ci sono solo pochi documenti sopravvissuti che forniscono una scheggia della storia del sottosuolo di Catanzaro.

Le gallerie sotterranee, recentemente rinnovate, non erano solo un comodo condotto per i nobili, che potevano facilmente visitare i luoghi di preghiera dai loro palazzi, ma erano anche utilizzate dalle guarnigioni delle truppe quando gli assedi della città non lasciavano altra via d'uscita.

Grazie alla riqualificazione delle gallerie, le Gallerie Segrete di San Giovanni, ricche di storia e di mistero, sono state riportate in vita. Le procedure utilizzate hanno tenuto conto delle caratteristiche dei materiali originali, ed è stato possibile mantenere il calcare naturale dello scavo, permettendo di riportare il tesoro sotterraneo al suo antico splendore.

Laura Cimino ha scritto questo articolo. Nelle viscere della città si ha la sensazione che qualcosa di notevole si muova. Non solo le gallerie di San Giovanni, ma una vasta rete di canali sotterranei, una Catanzaro 'extra'. Tutto questo è ancora da svelare. Affascinante in tutti i sensi. Una metropoli sotterranea che ha prosperato, nel Medioevo e successivamente, con la vita che si snoda nei suoi meandri interni, e che senza dubbio ha continuato a vivere nei secoli successivi. Una Catanzaro che potrebbe trasformare questa stranezza, l'intreccio di tanti percorsi e cunicoli sotterranei, molti dei quali ancora da "portare alla luce", in una sorta di passaporto turistico. Ha una caratteristica che lo contraddistingue.

musei da visitare a firenze

Soprattutto perché, secondo Francesco Cuteri, archeologo e professore all'Accademia di Belle Arti, "ci sono sicuramente altri due livelli di passaggi sotterranei". "E, ancora una volta, le gallerie sotterranee sono molto più grandi di quelle già scoperte.

"Questi passaggi, purtroppo accorciati a causa degli interventi su via Carlo V e di altri interventi, sono costruzioni che hanno tutti i segni di una vita che va oltre il medioevo e il rinascimento - spiega il professor Francesco Cuteri la loro storia e le loro caratteristiche. È chiaro che sono stati utilizzati anche in epoca contemporanea, e che sono stati usati regolarmente. Infine, durante la seconda guerra mondiale, queste aree furono utilizzate come rifugio ".

"Si tratta di percorsi funzionali alla presenza del Castello", dice Cuteri, "che sono quindi nati con il Castello, in epoca medievale, e fanno parte della vita del Castello, gallerie che permettono facili spostamenti in quella zona. "

PASSEGGIATE A LIVELLI DIVERSI "Non si trattava nemmeno di un solo livello. Si immagina che ci sia un altro livello di camminamenti sopra, ad un'altezza maggiore, che sono meno evidenti, e che ci fossero presumibilmente dei pozzi che collegavano la parte superiore e quella inferiore, tuttavia queste zone non sono mai state scoperte.

Ho sempre pensato che il primo passo è disegnare una pianta di questi spazi per capire esattamente come la parte inferiore corrisponde alla parte superiore, perché posso immaginare, per esempio, che un tunnel corrisponda alla torre o al convento; in altre parole, sarebbe utile disegnarli e avere così una percezione precisa di come questi spazi erano articolati e quali spazi vuoti ci sono.

Consideriamo il primo livello superiore, che comunica con il livello che vediamo attraverso scale e pozzi, e poi consideriamo la possibilità di un livello inferiore.